GESTIRE IL TEMPO. CIOE'?

www.pexels.com tom swinnen
Gestire il tempo: tema a cui sono stati dedicati migliaia, forse milioni di libri in tutto il mondo, che regolarmente restano sullo scaffale o sul comodino a prendere polvere.Ivan Blatter nel suo podcast ci obbliga a riconoscere una cosa: nella pratica è impossibile applicare i metodi di Time Management classici. Sono troppo complicati, troppo onerosi, troppo inflessibili, e rubano tempo! Il Time Management classico è vecchio e non offre risposte alle sfide di oggi. Il problema non è riuscire a estrarre fino all'ultima goccia dal limone: oggi gestire il tempo significa sfruttare il nostro potenziale senza esaurire noi stessi. E questo richiede allenamento.Non c'è una formula magica e non c'è il suggerimento rivoluzionario, però abbiamo dentro di noi il potere di lavorare più produttivamente, e Blatter chiama questo approccio l' "anti-time management"
Gestire meglio il tempo è indispensabile, ma molte condizioni lo rendono difficile1. A volte non è chiaro quello che è veramente importante, o non sappiamo precisamente cosa vogliamo2. I fattori da considerare sono troppi3. L'inaspettato spesso accade4. Gli altri hanno un peso, e non siamo liberi di decidere di tutto il nostro tempo.5. Siamo esseri umani: procrastiniamo, siamo inefficienti, a volte non abbiamo abbastanza voglia o energia. E facciamo errori. Grazie a Dio non siamo robot6. Siamo always on a causa della tecnologia, coi suoi pro e i suoi contro.
Per gestire meglio il nostro tempo, e aumentare la nostra produttività sul lavoro, c’è fondamentalmente una cosa che dobbiamo fare: prendere decisioni consapevoli, SEMPRE.Quando non prendiamo decisioni consce, ci ritroviamo sbattuti qua e là come una pallina da flipper. In realtà prendiamo decisioni continuamente, "solo che le decisioni che prendiamo tendono ad essere più inconsce di quanto ci rendiamo conto. E se non prendiamo le nostre decisioni consciamente, sono gli altri a decidere per noi,:colleghi, capi, collaboratori, figli, familiari...
Il Time Management efficace è prendere decisioni consce su quello che è importante. Avremo sempre da fare più di quello che realisticamente possiamo completare in una giornata, e inevitabilmente dovremo discriminare. La domanda chiave, da porci continuamente è : Qual è la cosa più importante per me adesso?Per rispondere a questa domanda dobbiamo innanzitutto avere una comprensione molto chiara delle fondamenta del nostro lavoro, e delle nostre proprie fondamenta: Che cosa voglio fare?Che cosa è importante per me ?Quali valori contano per me?Quali ruoli voglio interpretare ?Quali ruoli devo interpretare?
Quali ruoli non voglio interpretare più
ecc ecc
Solo quando avremo messo a fuoco gli aspetti fondativi per noi, saremo pronti per implementare alcuni suggerimenti di Ivan Blatter, che forse non saranno "rocket science", ma sono utili nella pratica.
LA NOT TO DO LISTLa lista include le cose che non c'è bisogno che facciamo, che non sono utili al nostro scopo e non abbiamo più voglia di fare.Per scrivere questa lista prestate particolare attenzione alle attività che vi trattengono dal raggiungere i vostri obiettivi.E fate un check di questa lista tutte le settimane.
DIRE NOPrendere decisioni significa anche essere capaci di dire di no. Non importa quante ore abbiamo durante la giornata, non avremo mai abbastanza tempo per tutto.Essere in grado di dire no è una forma di autodifesa: è l'arte di prendere la giusta decisione, nel momento giusto, e con il tono giusto: con tatto e con moderazione puoi dire no al tuo capo e al tuo cliente.
PULIRE L' INBOXNormalmente rileggiamo le mail varie volte prima di decidere finalmente che farne: non usiamo il nostro inbox come una cassetta delle lettere, ma come una to-do-list, come un posto dove archiviamo delle cose. Se pensiamo al nostro inbox come una cassetta delle lettere, quello che facciamo quotidianamente è questo: andiamo una ventina di volte ad aprire la cassetta delle lettere, tiriamo fuori la posta, apriamo le lettere nuove, le guardiamo brevemente e poi le rimettiamo dentro, poi riprendiamo le lettere vecchie e le rimettiamo nelle loro buste, poi richiudiamo la cassetta delle lettere. Folle, no?Non penseremmo mai di usare in questo modo la nostra cassetta delle lettere, eppure lo facciamo col nostro Inbox.Trattate le mail come delle vere lettere!- Aprite l' inbox quando avete intenzione di processare le email- Leggete ogni mail una volta e decidete che cosa dovete farci: dopo questa decisione non ci sarà più nessun’altra decisione da prendere, e la mail potrà essere archiviata o cancellata.In fin dei conti non ci sono molte cose che possiamo fare con una mail :- cancellarla se non è rilevante- leggerla, capire che non c'è niente da fare, e archiviarla immediatamente- leggerla, capire che serve fare qualcosa per cui bastano meno di 5 minuti. E dopo cancellarla o archiviarla.- leggerla, capire che serve fare qualcosa che prende più di 5 minuti, dunque metterla in una cartella che si chiama To do.


www.giuliasirtori.com The Colours of Coaching#coaching #antitimemanagement #timemanagement #complexity #decisionmaking #choices #priorities #values