LE CATTIVE ABITUDINI CHE DRENANO ENERGIA PREZIOSA

www.pexels.com
by Iris Maignan


Uno dei modi più efficaci per migliorare la nostra azione quotidiana è eliminare le abitudini che disturbano la nostra motivazione.
In particolare quelle che ci sottraggono energia per affrontare la giornata, e diminuiscono la nostra felicità.
Ecco 10 esempi di abitudini che possiamo abbandonare a partire da oggi, per aumentare significativamente energia e motivazione.

1. Preoccuparsi di ciò che è fuori dal nostro controllo

Ci saranno sempre momenti e situazioni difficili, ma preoccuparsi di ciò che è fuori dal nostro controllo non servirà a granchè.
Non possiamo controllare le decisioni prese dall' Amministratore Delegato o un evento sfortunato che ci è accaduto. 
Tutto quello che possiamo fare, e non è poco, è decidere come agire in modo utile, nel concreto, di fronte a quegli eventi.
L'angoscia e la rabbia costante annebbiano la mente. Accettare ciò che accade libera una quantità significativa di spazio mentale e di energia

2. Essere perfezionista
Non tutto può essere perfetto. E' inevitabile. Ci sono momenti in cui la perfezione conta, ma sono oggettivamente rari. Quindi, non lasciamoci ossessionare dalla perfezione! 
Scegliamo le nostre battaglie. Rilasceremo energia e saremo più motivati.

3. Essere risucchiati dalle lamentele e negatività degli altri
C'è sempre qualcuno che si lamenta di qualcosa. 
Anche se si tratta di un evento o di una situazione che non ci riguarda, se ascoltiamo, rischiamo di restare intrappolati. 
Anche passare 20 minuti ad ascoltare gli amici che si lamentano dei capi spreca un po' della nostra energia. 
Potremmo esserne influenzati, e iniziare a pensare la stessa cosa del nostro capo, magari senza motivo.
Riconoscere le situazioni che ci drenano energia ed evitarle non è indice né di cattiveria né di egoismo. 
Possiamo dare ascolto ed empatia agli altri, ma non possiamo diventare “la pattumiera” delle loro incessanti lamentele e negatività.

4. Aiutare le persone che non vogliono essere aiutate
Se uno dei vostri cari sta attraversando un momento difficile, è importante sostenerlo per quanto possibile. 
Eppure, sostenere gli altri nei loro momenti duri può diventare estenuante. Anche qui, decidi di aiutare chi vuole farsi aiutare.
Non puoi cambiare le persone, sta a loro, per loro scelta, cambiare. A volte semplicemente non vogliono essere aiutate, ed è inutile, anzi controproducente, insistere. 
Ci ritroveremmo solo frustrati e stanchi, e l'altro non si sarà spostato di una virgola.

5. Dipendere dalle parole e dalle azioni altrui 
Le parole e le azioni degli altri possono distruggerci. In molti casi possono insegnarci qualcosa, ma passare troppo tempo a leggere tra le righe diventa tossico. 
Non preoccupiamoci del tono che quel collega ha usato in riunione, o di quello sguardo che non ci è tanto piaciuto. Forse non significavano niente.
Scegliamo le nostre battaglie e comprendiamo che le piccole cose sono spesso insignificanti. 
Quando non siamo sicuri, invece di lasciarci andare alle speculazioni, basta chiedere, per capire.

6. Passare del tempo con persone che ci sminuiscono 
Iniziando la carriera può capitare di cercare chi può aiutarci a progredire, e sforzarci di soddisfare le loro aspettative. Attenzione però alla tossicità di alcuni rapporti!
Dobbiamo circondarci di persone che apprezzano quello che siamo, ci aiutano a crescere, ci permettono di superare fatiche e difficoltà.  

7. Fare un lavoro che non ci piace
E' inevitabile avere un lavoro che di tanto in tanto non apprezziamo. Però se la sensazione di malessere e di delusione dura da troppo tempo, vuol dire che è ora di cambiare. Lavoriamo in media 40 ore a settimana. Spesso molto di più. 
Pertanto è vivamente consigliato trovarsi un lavoro da amare. Passare più di 8 ore al giorno facendo qualcosa che ci esaurisce, senza darci quasi niente in cambio, è estenuante.
Spesso non è necessario lasciare azienda per generare un cambiamento: può bastare trovare un modo diverso di fare il nostro lavoro, concentrandoci su ciò che ci piace di più. 

8. Non fare sport
E' più facile tornare a casa dopo il lavoro, invece che andare in palestra, ma non è una buona idea rinunciare all'attività sportiva, di qualunque tipo sia.
Fare sport libera il corpo e la mente, dà il tempo di decomprimere, e lascia una sensazione positiva di salute e benessere. 
Sforziamoci di allenarci almeno un paio di volte a settimana. Potrà essere difficile all'inizio, ma ne varrà sempre la pena.

9. Rivangare il passato
Rivangare il passato ci dà qualcosa da giudicare quando le cose vanno male, ci permette di trovare delle scuse. 
Ma è un pò come preoccuparsi di ciò che è fuori dal nostro controllo: non cambierà nulla nella nostra vita, ma porterà via la motivazione. 
Tutto quello che possiamo e dobbiamo fare è andare avanti.

10. Non dire NO
Molti di noi sentono in modo schiacciante il bisogno di accontentare gli altri, o di occuparsi di loro. Ecco perchè  è così difficile dire NO. 
A volte questo è un bene, perchè ci spinge fuori dalla nostra zona di comfort e ci porta emozioni positive e gratificazione. 
Spesso, però, è dannoso, quando va a finire che ci prendiamo troppa responsabilità o facciamo cose che non vogliamo fare, che non servono il nostro scopo e la nostra identità. 
La soluzione è imparare a dire di NO con grazia: sarà dura all'inizio, ma la gente ci rispetterà per questo. 
E avremo più tempo per impegnarci su ciò che ci interessa davvero.




VUOI LAVORARE SU QUESTO TEMA?

http://eepurl.com/cs2bk9

PENSI POSSA INTERESSARE AD UN AMICO O A UN COLLEGA? Invitalo a contattarmi

http://eepurl.com/cs2tQ9




#coaching #energia #complessità #stress #energyvampires #vampirienergetici #negatività #direno #generosità #selfrespect #paletti #intelligenzaemotiva #intelligenzarelazionale #resilienza