CREARE FIDUCIA NEI TEAM “DISPERSI”

by Lane 4

Se lavori con persone che operano in città diverse e paesi diversi, su progetti diversi, sei parte di una ormai vasta maggioranza. L' 84% dei lavoratori attualmente collabora con colleghi che non sono vicini di scrivania utilizzando strumenti tecnologici e connessioni WiFi.  È vero che la tecnologia ha reso possibile il lavoro a distanza, ma ha anche generato delle conseguenze non sempre positive, che meritano attenzione e devono essere gestite.

Uno degli aspetti più importanti da affrontare, quando si lavora all'interno di un team remoto, è la diminuzione del livello di fiducia.
Un alto livello di fiducia è vitale all'interno di un team. Quando ti fidi dei tuoi colleghi, dedichi meno tempo a coprirti le spalle, condividi più volentieri le informazioni, sei più proattivo e più focalizzato nel lavoro, sei più ottimista. Dai e chiedi più volentieri feedback e contribuisci insieme agli altri a costruire una performance superiore.

Quali sono le fondamenta della fiducia?

1. Credibilità
La credibilità si guadagna con fatica e si perde facilmente. Giudichi le persone sulla base della coerenza tra quello che dicono e quello che fanno ( per esempio se rispettano le scadenze, portano a termine i loro compiti, raggiungendo gli obiettivi condivisi).
Questo tipo di valutazione è molto più semplice faccia a faccia, perché molte informazioni rischiano di perdersi tra le email e le telefonate

2 Affidabilità
Quando lavori nello stesso ufficio è più facile determinare l' affidabilità delle persone, sapere se stanno veramente lavorando, capire cosa stanno facendo e quanto impegno ci stanno mettendo. A distanza diventa piu difficile

3. Intimità
Le relazioni faccia a faccia sono più semplici di quelle via telefono o via web, perché ci vuole meno tempo per costruire intimità e rafforzare il rapporto.

4. Obiettivi personali vs Obiettivi di team
Anche se una persona ti sembra credibile e affidabile, e hai una relazione abbastanza stretta con lui / lei, ciò può venire compromesso nel momento in cui la persona mostra segni di egoismo o di orientamento solo ai propri obiettivi personali.


Allora, come possiamo costruire fiducia in un team remoto? Ecco tre suggerimenti

1. Entrare in connessione ad un livello personale
È più facile fidarsi di persone simili a noi, perché sviluppiamo più empatia e possiano prevedere il loro comportamento con più precisione.
Le conversazioni alla macchina del caffè connettono i colleghi anche su un piano personale, e permettono di stabilire le similarità gli uni con gli altri. 
Ma un team remoto non può avere conversazioni alla macchina del caffè. Quindi un buon modo per ottenere lo stesso risultato è dedicare del tempo, all'inizio di ogni online meeting, per permettere alle persone di condividere le cose più importanti successe di recente, sia su un piano professionale sia su un piano personale, così da consentire ai partecipanti di entrare in connessione gli uni con gli altri ad un livello più profondo, rafforzando la fiducia reciproca.

2. Essere trasparenti
I team remoti non hanno molte opportunità di interagire apertamente. Ci possono essere scambi privati, che rimangono sotto traccia, causando rabbia o frustrazione, e a un certo punto vengono alla superficie, impattando negativamente sull'efficacia del team.
Puoi prevenire questi fenomeni essendo innanzitutto assolutamente trasparente, comunicando chiaramente e ripetutamente le linee guida del vostro lavoro, e tenendo tutti sempre aggiornati sugli avanzamenti dei progetti e sui cambiamenti che emergono.
Poi devi assicurarti che il tuo team si parli frequentemente, e si tenga regolarmente aggiornato su quello che sta facendo.

3. Riconoscere e gestire le differenze
I membri di un team remoto spesso sono più diversi tra loro di quanto lo siano i "team da ufficio".
I team dispersi innanzitutto mostrano differenze culturali, dato che sono distribuiti in più paesi del mondo ed esprimono culture, stili e approcci diversi.

È vero che ci sono spesso persone di tutti i paesi anche all'interno dello stesso ufficio, ma è proprio la presenza nello stesso luogo che fa la differenza.
Ci sono culture, come quella anglosassone per esempio, in cui la fiducia è basata sullo svolgimento dei compiti, e si costruisce attraverso le attività di business e le azioni pratiche.
In altre culture, come quella brasiliana o cinese, la fiducia è invece molto più legata ad aspetti relazionali, e ha bisogno di essere costruita con attività extra business.

Dobbiamo essere consapevoli di queste differenze, e adattare il nostro comportamento ai diversi membri del nostro team.
Più la diversità culturale è forte, più dobbiamo allenarci a costruire fiducia sulla base relazionale. 
E  la comunicazione non frequente impatta sulla fiducia. 
È vero che il tempo e i fusi orari sono un limite: è difficile organizzare meeting, lavorare insieme sui progetti e comunicare in generale. Però, se ci pensiamo bene, queste differenze non possono rappresentare una barriera, ma piuttosto un acceleratore, che consente ai progetti di essere seguiti 24 ore su 24 7 giorni su 7.

Prendetevi dunque un po' di tempo per riflettere sul vostro Team :
- Quanto vi fidate degli altri?
- Quanta fiducia c'è tra i membri del team?
- Cosa può essere utile fare?



VUOI LAVORARE SU QUESTO TEMA?

http://eepurl.com/cs2bk9

PENSI POSSA INTERESSARE AD UN AMICO O A UN COLLEGA? Invitalo a contattarmi


http://eepurl.com/cs2tQ9



www.giuliasirtori.com The Colours of Coaching
#coaching #fiducia #teamdispersi #teamremoti #lavoroadistanza #webcall #webconferences #virtualteams #credibilità #affidabilità #trasparenza #diversità #teammanagement #leadership