PREPARARCI A LAVORI CHE NON ESISTONO ANCORA

by Gwen Moran

Pensa se avessimo spiegato a qualcuno, 25 anni fa, cosa fa un social media manager, un rider o un pilota di droni per vivere? 
La tecnologia, combinata con le richieste del mercato, la scarsità di risorse, l'urbanizzazione e altri fattori, hanno creato una serie di nuovi posti di lavoro e ne hanno cambiato radicalmente altri.

Fare un conteggio accurato di questi nuovi lavori e ' difficile.

Uno studio sostiene che il 65% dei bambini che entrano nella scuola primaria oggi finirà per fare lavori che non esistono ancora. Anche se questo studio è ampiamente citato, un'indagine della BBC sulla questione ha ricondotto la percentuale ad un più possibilista 30%. In ogni caso, la questione è sul tavolo e va affrontata.

Preparare gli studenti a lavori che non esistono, aggrava una domanda che già tiene svegli gli amministratori delegati. Secondo il Hiring Forecast del 2018 di CareerBuilder, il 45% dei Capi delle Risorse Umane dichiara di non essere stato in grado di coprire posizioni aperte, perché non riusciva a trovare persone qualificate per quel lavoro.

Che il tanto pubblicizzato “skills gap" sia dovuto a candidati impreparati o fattori creati dal datore di lavoro, la domanda è: cosa dovremmo fare per dare agli studenti le competenze di cui avranno bisogno per il lavoro in futuro?

RIPENSARE I FONDAMENTALI
Per quanto appaia nuova ed impellente, questa non è “in alcun modo una nuova domanda", dice Ansley Erickson, Professore Associato di Storia e Istruzione alla Columbia University di New York. Lo storico dice che “ " è solo una delle numerose domande che ci siamo posti negli ultimi 100 anni, circa il rapporto tra l'istruzione e il lavoro.”

Forse il driver più importante oggi è la tecnologia, in particolare l'automazione e l'intelligenza artificiale, afferma Jeanne Meister, fondatrice della società di consulenza HR Future Workplace e autrice The Future Workplace Experience: 10 Rules for Mastering Disruption in Recruiting and Engaging Employees.  
"Bisogna assicurarsi di comprendere l'automazione e l'intelligenza artificiale, e quale sarà il loro impatto", afferma.

Ma un'indagine pubblicata nel febbraio 2018 dal Workforce Institute di Kronos ha rilevato che tre organizzazioni su cinque (58%) a livello internazionale non hanno ancora discusso con i loro dipendenti l'impatto potenziale dell'AI sulla forza lavoro.

E mentre il ritmo del cambiamento è “mozzafiato”, le soluzioni non sono così semplici, come “concentrarsi solo sulla tecnologia”, dice Farnam Jahanian, Presidente della Carnegie Mellon University di Pittsburgh. ” Dobbiamo fare un passo indietro e affrontare le sfide educative in modo più olistico, comprese le questioni dell'accessibilità economica allo studio, nonché la capacità di soddisfare le esigenze di un futuro in continua evoluzione".

“Ai vecchi tempi, quando arrivavi al college, eri addestrato per un lavoro, un lavoro funzionale, dove saresti rimasto per la maggior parte della tua carriera. Ma il cambiamento di paradigma è lontano dalla conoscenza funzionale: serve alimentare la capacità di essere fluidi nella nostre vostre abilità e nelle nostre conoscenze. 
E' fondamentale che le università insegnino agli studenti come insegnare a loro stessi, e continuare ad imparare per tutta la vita.”

MESCOLARE APPRENDIMENTO ED ESPERIENZA
Preparare adeguatamente i giovani a questo ambiente in evoluzione richiederà alcuni cambiamenti. Jahanian dice che la scuola materna degli Stati Uniti fino al 12 ° grado (K-12) ha bisogno di molto lavoro e di molti cambiamenti, in particolare nel migliorare la preparazione degli studenti all’uso del computer e in altre discipline scientifiche, come la matematica e la competenza digitale.

Ancora più importante, gli educatori devono lavorare sulle soft skills, come la comunicazione, il pensiero critico, il processo di decision making, utilizzando la tecnologia per migliorare l'apprendimento.

Bisogna creare un atteggiamento di apprendimento continuo lungo tutto l'arco della vita. Le partnership pubblico-privato e le politiche statali dovrebbero essere a sostegno di questi cambiamenti.

Isabelle Bajeux-Besnainou, preside della Facoltà di Management alla McGill University di Montreal, afferma che è più importante concentrarsi sull'apprendimento esperienziale, sostenuto dall'insegnamento in classi interdisciplinari, che sulle competenze specifiche da usare sul lavoro.
Uno studio del gennaio 2018 pubblicato sul Journal of Innovation and Knowledge ha rilevato che l'apprendimento esperienziale rafforza i concetti teorici e porta a prestazioni superiori. McGill ha lanciato alcuni programmi che si concentrano sull'apprendimento esperienziale, incorporando anche corsi multidisciplinari. 

La Bensadoun School of Retail Management, che ha aperto nell’autunno 2018, si concentrerà sul futuro del retail, ed ha un laboratorio esperienziale dove gli studenti potranno lavorare con tecnologie all'avanguardia per la vendita al dettaglio e fare simulazioni nel mondo reale.
In un altro programma della stessa università, gli studenti in finanza gestiscono una società di investimento in cui investono denaro che è stato donato dagli ex Alunni della McGill.

Bajeux-Besnainou dice che la diversità della popolazione studentesca di McGill dà anche agli studenti un'esposizione preziosa ad una grande varietà di culture, preparando gli studenti a lavorare in modo efficace in un'economia globale.

THINK DIFFERENT
All'Indiana University sta cambiando il modello dei servizi di carriera. Presso la Kelley School of Business, gli stage universitari sono sostituiti da progetti di consulenza studentesca.

Gli studenti ricevono coaching e lavorano come parte di un team per risolvere problemi specifici o portare a termine progetti definiti. Gli studenti sviluppano una varietà di competenze—sia quelle relative al loro lavoro che quelle “adiacenti”, come la tecnologia correlata, la conoscenza di lavori interconnessi - e così facendo la distanza tra scuola e mondo reale del lavoro viene ridotta, afferma Powell. ” Stiamo portando l'aula più vicino alle aziende", dice. Questo tipo di ambiente immerge i ragazzi nelle sfide e nelle situazioni specifiche che le aziende devono affrontare, e fornisce loro un'idea di come il loro lavoro potrebbe essere strutturato e come potrebbe evolvere.

Erickson sottolinea anche quanto questa nuova istruzione orientata al futuro sia essenziale per risolvere problemi più grandi, tra cui la disuguaglianza sul posto di lavoro. 
Dobbiamo pensare a tutti gli aspetti del miglioramento dell'istruzione, compreso il suo ruolo nella preparazione degli studenti come cittadini.
Che tipo di istruzione prepara, per esempio, a partecipare alle discussioni su che cosa costituisce un salario decente? Che cosa rappresenta una pratica di lavoro equa? Come funzionano l'istruzione e l'occupazione in una società diseguale?

Penso che queste domande siano cruciali tanto quanto le domande sul tipo di formazione tecnica che le scuole possono offrire”, afferma Erickson. 
"Sono entrambe domande sul rapporto tra istruzione e lavoro. Ma siamo molto piu 'a nostro agio a parlare di quelle che riguardano le capacita' tecniche di quanto non lo siamo di queste questioni più grandi .”





VUOI LAVORARE SU QUESTO TEMA?

http://eepurl.com/cs2bk9

PENSI POSSA INTERESSARE AD UN AMICO O A UN COLLEGA? Invitalo a contattarmi


http://eepurl.com/cs2tQ9

#coaching #futuro #cambiamento #thinkdifferent #flessibilità #curiosità #apprendimentocontinuo #vecchiaia #pensione #sabbatico