PIEDI - 2' di Mindfulness

pexels.com
  • Siediti comodo con i piedi ben appoggiati a terra 
  • Respira lentamente in modo naturale 
  • Sciogli le spalle
  • Rilascia la mandibola
  • Chiudi gli occhi se ti aiuta
  • Concentrati sui tuoi piedi
     
  • Comincia dal dorso del piede, senti la pelle a contatto con la calza, la scarpa oppure l'aria, se sei a piedi nudi
  • Senti la temperatura della pelle, dai un nome alle sensazioni epidermiche
  • Vai attraverso la superficie del piede, dalla caviglia alla punta delle dita, alle unghie.
  • Attraversa le dita, una a una, poi torna indietro
  • Ora dedica la tua attenzione alla pianta del piede, senti la pelle a contatto con la calza, la scarpa oppure il pavimento, se sei a piedi nudi
  • Senti la temperatura della pelle, senti la pressione sul suolo, nota come punti diversi appoggiano in modo diverso, dal tallone alle singole dita 
  • Infine  "tuffati dentro i tuoi piedi", nota le sensazioni all'interno
  • Senti i muscoli, i tendini, le ossa, dalle più grandi alle più piccine
  • Puoi arrivare a sentire scorre il sangue
  • Ora torna all'esterno, fai un ultimo giro sulla pianta del piede, dal tallone fino alla punta delle singole dita, e poi torna sul dorso, dalla punta delle dita fino alla caviglia
  • Ringrazia i tuoi piedi per tutto ciò che fanno per te 
  • Apri gli occhi, se li avevi chiusi
  • Resta consapevole dei tuoi piedi mentre riprendi la tua attività 


SE QUESTO ESERCIZIO TI E' PIACIUTO  E TI E' STATO UTILE , RIPETILO QUOTIDIANAMENTE, TANTE VOLTE AL GIORNO
E ANNOTA COSA CAMBIA PER TE, COL PASSARE DEL TEMPO




MINDFULNESS SIGNIFICA SEMPLICEMENTE CONSAPEVOLEZZA: 
PRESTARE ATTENZIONE AL MOMENTO PRESENTE, CON INTENZIONE, E CON UN ATTEGGIAMENTO CURIOSO E NON GIUDICANTE.

John Kabat Zinn ha dato i natali a questa pratica, ormai molto famosa e diffusa nel mondo, negli anni ‘70, quando «solo» la tradizione asiatica e il Buddismo la sostenevano. 
Ha registrato un forte sviluppo, soprattutto nello stressato mondo anglosassone, come strumento per gestire e ridurre lo stress. 
Il MBSRP (Mindfulness Based Stress Reduction Program) è ormai largamente noto per la sua efficacia. 

Oggi le Neuroscienze confermano attraverso molti studi quello che l’esperienza già testimoniava: la Mindfulness «rigenera il cervello». Ecco come:
• Aumenta la concentrazione di materia grigia nelle regioni del cervello associate con apprendimento, memoria, regolazione delle emozioni, capacità prospettica 
(Holzel 2008, 2011; Lazar 2005; Luders 2008; Maguire, 2000).
• Aumenta l'attività delle regioni del lobo frontale sinistro, associate con il controllo dell’ umore (Davidson 2004).
• Migliora la flessibilità cognitiva (Greenberg et al 2012), aumenta la capacità di memoria e riduce la distrazione (Mrazek et al 2013; Gai et al 2010).
• Aumenta l’ abilità di prendere decisioni più veloci e più razionali (Langer 2000; Kirk et al 2011),
• Migliora la comprensione, il problem solving e la creatività (Ostatin e Kassman 2012.
• Migliora la capacità di non rimanere bloccati nel passato, in una sorta di ruminazione depressiva (Greenberg et al 2012).
• Le persone che praticano mindfulness sono più presenti, in sintonia e risonanza con gli altri (Singer et al 2004)
La Mindfulness è una pratica consolidata anche all'interno dei US Marine Corps, per aumentare la capacità di memoria e ridurre lo stress (Stanley et al 2011)