VUOI DAVVERO CAMBIARE? ECCO COME RIUSCIRCI

by Margie Warrell

“Non faccio propositi per l'inizio dell'anno, perché non li mantengo mai." 
Forse anche tu conosci persone che dicono frasi del genere. Forse tu stesso sei un po’ così: nel tuo cuore sai che vuoi fare dei cambiamenti nella tua vita, ma anno dopo anno vieni sospinto indietro, e mantieni il vecchio schema di pensiero o le vecchie abitudini di comportamento.  Ormai stai cominciando a chiederti se il cambiamento sia davvero possibile

Dato che meno della metà delle persone che fa propositi all'inizio dell'anno è ancora fedele al suo intento il giorno di San Valentino, è comprensibile che molti di noi siano cinici rispetto al fare propositi. 
In realtà, la vera ragione per cui molti falliscono, o si fermano troppo presto, è che non tengono in debita considerazione alcuni aspetti base della psicologia umana. 
La motivazione è molto labile in natura, viene e va. 
E al di là di questo, la nostra innata paura di sbagliare e la nostra tendenza a ripetere le vecchie abitudini può sabotare qualunque sforzo orientato al cambiamento, e compromettere anche gli obiettivi più desiderabili.  Se perseguire obiettivi coraggiosi e fare cambiamenti fosse facile, lo faremmo tutti. Invece,  per portare a termine i cambiamenti che desideriamo davvero, dobbiamo prepararci.
Il successo non ha solo a che fare con l'atteggiamento: ha a che fare con l'utilizzo di strategie che liberino il coraggio e la perseveranza, quando la paura si fa sentire.

Ecco le 7 strategie più potenti secondo Margie Warrell

1. Fa' che il tuo "Why" sia chiaro
Perché un proposito rimanga nel tempo deve essere allineato ai tuoi valori chiave e al senso più profondo che tu dai alla tua vita e al tuo lavoro. Qualunque cosa tu decida di fare, devi chiarire molto bene a te stesso di cosa davvero ti importa, e qual è il prezzo che sei disposto a pagare per ottenerlo. Se le tue risoluzioni non vanno a braccetto con un Why forte, è molto probabile che tu cada alla prima difficoltà.

2. Ricordati che lo Status Quo è forte
Se non fosse così, tutti cambieremmo le cose che non funzionano nella nostra vita in un attimo. La ragione per cui è così difficile cambiare è che tutti dobbiamo pagare il nostro obolo allo status quo. L'abitudine dà un senso di sicurezza, di convenienza, di comodità, di familiarità emotiva, di compiacenza intellettuale. Lo status quo non presenta rischi.
Rispondi a questa domanda : quello che voglio cercare di ottenere con questo cambiamento vale quello a cui devo rinunciare ? Qualunque sia il tuo obiettivo, non farti sconti sui costi.

3. Restringi il tuo focus
Avere grandi aspirazioni è molto bello, ma decidere che vuoi correre una maratona può farti crollare, lasciandoti incapace di decidere in che direzione andare. Dai a te stesso degli obiettivi piccoli, uno per volta, non venti tutti insieme. Come dice Daniel Goleman nel suo ultimo best seller Focus, la distrazione uccide gli obiettivi, e lo stesso fanno l'esaurimento energetico e l'eccesso di stimoli. 
Comincia con un obiettivo che è importante per te, spezza quell'obiettivo in pezzi concreti e fattibili, e comincia a portarli a termine, uno dopo l'altro.

4. Circondati di un gruppo di supporto
Il cambiamento è difficile. Realizzare obiettivi importanti è faticoso. Gestire le sconfitte e gli insuccessi è doloroso. Restare motivati è una grande sfida. Circondarsi di persone che credono nelle tue capacità di riuscita e che hanno voglia di sostenerti al 100% può veramente fare la differenza. Crea un ambiente intorno a te di persone che credono in te, e che ti rendano il processo più facile.
Non dimenticare mai che l'ambiente può essere potentissimo per supportarti, così come per sabotarti: assicurati di circondarti di persone che rendano la tua vita migliore, non peggiore. 

5. Rendi tuoi obiettivi misurabili
Va benissimo decidere di mangiare meglio, stare meglio, essere più felici, rilassarsi di più, avere un migliore work life balance…… ma esattamente cosa significa? in senso pratico? giorno dopo giorno? che cosa devi fare precisamente ? in che cosa ti stai impegnando?
Più sei specifico nello stabilire il tuo obiettivo, e più è probabile che tu lo raggiunga, quindi descrivi il tuo obiettivo nella maniera più concreta e misurabile possibile.

6. Preparati a fallire
Anche Tony Robbins non è al 100% ogni singolo momento della giornata: è parte integrale della condizione umana. Quindi, anche se è semplice essere molto eccitati nei momenti iniziali di un cambiamento, siate pronti al fatto che la fatica arriverà, e che è molto facile perdersi di fronte alle prime difficoltà o quando i risultati non sono immediati. Il successo non avrebbe valore se arrivasse facile. E’ necessario  prepararsi alle difficoltà, prevederle e allenarsi per superarle; è opportuno sapere che ci sarà una prima fase di grande motivazione e che arriveranno momenti bui, ed avere a portata di mano gli strumenti per affrontarli. E’ importante sapere che, anche se facciamo un piano, il piano non andrà come previsto, e non è nemmeno detto che questo sia un male. Dobbiamo essere flessibili e pronti a cambiare col vento. La resilienza è questo.

7. Investi nel meglio che hai ogni giorno
Come sei quando sei al tuo meglio? Che cosa devi fare per te stesso ogni giorno, ogni settimana, ogni mese, per essere quella persona? Qualunque cosa sia, riserva del tempo nel tuo calendario per fare quello che serve per essere quella persona. Che si tratti del fare esercizio  fisico, del pianificare il futuro, del fare yoga per ricaricare le batterie ……
Arriverai molto più lontano e ti riprenderai molto più velocemente dalle sconfitte, se continuerai incessantemente a investire nel tuo migliore “te stesso”.
Non è egoismo, non è autoindulgenza: è indispensabile per vivere una vita felice.

www.LiveBraveDay.com



VUOI LAVORARE SU QUESTO TEMA?

http://eepurl.com/cs2bk9

PENSI POSSA INTERESSARE AD UN AMICO O A UN COLLEGA? Invitalo a contattarmi


http://eepurl.com/cs2tQ9


www.giuliasirtori.com The Colours of Coaching
#coaching #stress #cambiamento #changesthatstick #abitudini #breakhabits #stressmanagement #selfmanagement #intelligenzaemotiva