INTELLIGENZA EMOTIVA e RELAZIONALE

L'intelligenza emotiva è , secondo la definizione che ne diede Daniel Goleman nel 1995, la capacità di riconoscere e gestire quello che capita a livello emotivo a noi e agli altri.
Per diventare sempre più "emotivamente intelligenti" dobbiamo innanzitutto imparare a riconoscere il nostro stato, i nostri bisogni, le nostre risorse, il nostro linguaggio interiore
Poi dobbiamo abituarci a scegliere e adottare lo stato, la risorsa, il linguaggio interiore più utile in una determinata circostanza o relazione, per interagire al meglio con chi ci sta intorno.
Gestire un'emozione non significa ignorarla, giudicarla o reprimerla, e nemmeno farsi travolgere da essa. Gestirla significa vederla, darle un nome, capire che bisogno ci segnala, per poi esprimerla "regolandone il volume" , avendo conversazioni di valore con le persone, adottando comportamenti che producano i risultati che desideriamo.
Più ci alleniamo a dare un nome a quello che popola il nostro mondo interiore e a gestirlo, più diventiamo capaci di capire cosa succede agli altri, e a coinvolgerli, motivarli, influenzarli, collaborare, ottenere grandi risultati insieme.

http://eepurl.com/cs2bk9   


LA MINDFULNESS QUOTIDIANA AUMENTA INTELLIGENZA EMOTIVA E RESILIENZA